Capita, a volte.

Succede così a volte: dopo una delusione tagliente come una lama decidi di chiudere a chiave il cuore, lasciando fuori da te ogni emozione, ogni sensazione; vivere in una condizione asettica, priva di contagi esterni, priva di contatti esterni.

Bello, vero? Forse. Ma come ci si sente a vivere come una macchina?

E poi, improvvisamente e senza nessun preavviso, il cuore torna a battere per qualcuno, e qualcosa dentro di te inizia ad essere in lotta contro tutta la barriera che in maniera precisa, puntigliosa e maniacale ti sei costruita.

Quel cuore che ha ricominciato a battere e che desidera per una volta che da qualche parte ce ne sia un altro che batta al suo stesso ritmo; dall’altra parte, però, c’è la paura di scoprire che quest’ennesima speranza si tramuti in illusione per poi delusione.

E allora ti rimane da fare solo una cosa, una scelta: fai un passo in avanti o uno indietro?

Canzone: Almeno tu ricordati di me, Cordio. https://www.youtube.com/watch?v=TVOmsdaahpc

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...