Davanti allo specchio.

Cara me, non so da quanto tempo non ti rivolgo parola, ma di sicuro è la prima volta che ti scrivo.

Nell’ultimo periodo ci sono stati tanti cambiamenti, tu in primis sei cambiata, mettendo da parte ciò che hai di più caro al mondo.

Ti stavi perdendo, mettendo solo la testa e non il cuore nelle cose che facevi, perché prima c’era il dovere e poi il piacere, perché è arrivata l’ora di crescere. Ma quando ci metti solo la testa, tu non ci sei. E dove sei ora?

Per crescere bisogna sempre restare un po’ bambini, e i bambini immaginano, giocano e sognano. Tu cosa sogni? Ce l’hai ancora un sogno da tenere stretto, vero? Sì che ce l’hai, lo so bene; e so anche che ci stai lavorando su, piano piano, con i tuoi tempi.

L’anno che sta per volgere al termine è stato faticoso, pieno di cose belle, di chilometri macinati per concerti e di corde vocali lasciate sotto un palco, ma anche di insidie, e davanti a quelle tu hai deciso di fare quello che ti riesce meglio: non andare fino in fondo, mollare; ed è successo che ti sei persa, che non sai più dove andare.

Sei caduta e non hai trovato più un appiglio dove aggrapparti per risalire. Anche il punto dove rivolgevi lo sguardo per trovare la stella che ti indicasse il cammino è pieno di nuvole che le tue paure e le tue insicurezze hanno fatto addensare. Ma sai che basta un bel soffio di vento per scacciarle via. Quella stella c’è, lo sai, basta solo liberarla.

C’è un foglio bianco davanti a te, ricomincia a scrivere ciò che ti passa per la testa e nella tasca destra in alto.

Come sai benissimo che ci sarà di nuovo quel bagliore negli occhi, quelli che ora, mentre ti guardi allo specchio, vedi spenti. Alimentalo, nutrilo, accrescilo: solo così troverai la tua strada, quella che porta alla tua Isola Che Non C’è. Proprio per questo ho scelto una foto che per te significa molto, simbolo del nutrimento che alimenta il tuo fuoco. Una foto scattata quest’anno in uno dei tuoi pochi habitat naturali, lì dove veramente ti brillano gli occhi, dove voce, cuore, anima e corpo vanno insieme a tempo. Quella seconda stella a destra ti aspetta, e poi dritta fino al mattino. Forza e buon viaggio.

Canzone: Rivoluzione, La Fame Di Camilla. https://www.youtube.com/watch?v=oPy8nGZY51A

Un pensiero riguardo “Davanti allo specchio.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...