Storia di una quarantena: Episodio 1. Gioia.

Sono a casa e ho appena ascoltato la conferenza del premier: da domani tutta l’Italia sarà zona rossa e sarà possibile uscire solo per motivi di salute e per fare la spesa.

Sospiro sconsolata quando ad un tratto il mio telefono squilla:

“Marco!”

“Gioia, hai ascoltato la conferenza?” mi chiede preoccupato il mio migliore amico, la mia spalla, colui per il quale sento qualcosa che va oltre l’amicizia ma a cui non ho mai detto nulla per paura di perderlo. Lui che abita a duecento metri da casa mia, in una piccola cittadina a qualche chilometro dalla Capitale.

“Purtroppo sì… significa che tu ed io non ci possiamo vedere” gli rispondo sconsolata.

“Già… sarà triste non vedersi, però dai, possiamo videochiamarci quando vogliamo, no? Io lavorerò da casa, e tu?”

“Anche io… tanto le grafiche per la rivista le posso curare anche da qui… certo che possiamo sentirci quando vogliamo, però so già che mi sentirò sola…”

“Dai, Gioia, sarà solo per un periodo! Quando tutto questo sarà finito potremmo tornare a vederci!” mi dice.

“La fai facile tu!”

“Guarda che la situazione è difficile anche per me!” mi risponde con un tono duro.

“Certo, tu hai anche Sara che non puoi vedere” ribatto con un filo di stizza, alludendo alla sua ragazza, bella come una star di Hollywood, bionda, occhi azzurri e con un fisico da urlo, mentre io ho qualche chilo che dovrei togliere, un aspetto da ragazza anonima con capelli e occhi castani; lei che, devo riconoscere, insieme a lui fanno una bella coppia a livello estetico, con lui che ha la bellezza mediterranea, moro, fisico asciutto e quel filo di barba che lo rende ancora più attraente; senza contare che a lei non sono andata a genio fin dal primo attimo che Marco ci ha presentate.

“Lo so che Sara non ti è simpatica…”

“Perché io non sono simpatica a lei!” puntualizzo.

“Gioia… io voglio bene ad entrambe e mi dispiace che voi non andiate d’accordo…”

“A lei lo hai detto?”

“Sì, e mi ha detto che proverà a far migliorare il vostro rapporto per me…”

“Ci proverò anche io allora…”

“Grazie… non sai quanto è importante per me”

“Però mi prometti che almeno una volta a settimana facciamo un aperitivo in videochiamata?”

“Promesso!” mi dice.

Ad un tratto sento che suonano alla sua porta.

“Aspetta, Gioia, vado a vedere chi è… Sara?! Che ci fai qui?” sento dire dall’altro capo del telefono.

“Ho provato a chiamarti ma era occupato, infatti vedo che sei al telefono, e ho pensato, visto le restrizioni, di trasferirmi da te così non saremo separati, che ne dici, amore?” ascolto la voce insopportabile di Sara e la rabbia sale dentro di me.

“Gioia, scusami, posso richiamarti?” mi chiede Marco.

“Certo! Tranquillo! Non ti preoccupare!”

“A dopo!”

“A dopo…” gli dico prima di chiudere la chiamata sconsolata.

Questa quarantena inizia nel migliore dei modi…

Canzone: Finirà bene, Ermal Meta. https://www.youtube.com/watch?v=wJfRmcWGha0

3 pensieri riguardo “Storia di una quarantena: Episodio 1. Gioia.

  1. La vedo male per gioia. Ma alla fine il vero amore trionfa, come sempre.
    Posso dirti che promette bene questo racconto, però dovresti spezzarlo un po’, questa telefonata così piatta, ravvivata solo dall’arrivo di Sara. 🤔 Ovviamente parere personale. 👍

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...